I Social Media sono entrati di prepotenza nella vita di tutti da quando Facebook, ma non solo, si è diffuso su scala globale. Ben presto le aziende si sono accorte del bacino di utenza a cui potevano attingere, cosa che ha scatenato un ulteriore cambiamento: i Social, oltre a essere piazze virtuali di scambi e confronti tra persone, sono diventati veri e propri strumenti di marketing.


Tuttavia, non basta avere un profilo Facebook per poter dire di saper usare un Social come strumento per potenziare il proprio Business. Il Marketing sui Social Media è materia di studio tra i più alti esperti del settore, in costante mutamento e, come per ogni attività rigorosa, richiede un piano ben strutturato per convogliare i propri sforzi e trasformarli in risultati.


Stilare una strategia di Marketing da applicare ai Social Media su cui abbiamo deciso di essere presenti può sembrare una sfida ardua ma seguendo questa guida potrete sicuramente facilitarvi il compito, evidenziando i punti fondamentali su cui lavorare e organizzando il lavoro in modo intelligente e efficiente.

 

 

adozione-social-network


Perché e come creare una strategia basata sui Social Media?

 

Questa è la prima domanda con cui spesso ci si ritrova a dover fare i conti. Che la facciamo a noi stessi o la riceviamo dal responsabile delle operazioni, tutto parte dalla risposta a questa domanda. Strutturare una strategia inerente alle attività di Marketing sui Social Media permette di fissare i punti più importanti da toccare e gli obiettivi da raggiungere. Si tratta di tracciare una “mappa” delle azioni che intendiamo intraprendere, mappa che ci guiderà, passo passo, lungo il percorso che noi stessi abbiamo definito, dandoci la possibilità di notare subito se stiamo andando nella direzione giusta e se stiamo raggiungendo i risultati previsti.


È importante, però, che la strategia venga strutturata in modo semplice e conciso senza tralasciare la precisione nella definizione di step e obiettivi. Più sarà precisa e definita, più sarà semplice valutare quanto la stiamo rispettando in corso d’opera. Darle un taglio superficiale o poco dettagliato significa avere difficoltà nel seguirla e impossibilità nel misurare gli obiettivi prefissati.


Definito in modo generale il perché e il come creare una strategia Social, andiamo al nocciolo della questione partendo dagli obiettivi da fissare.


Come definire gli obiettivi di una Social Media Strategy?

 

Il primo step nella stesura di una strategia Marketing per Social Media è indiscutibilmente la definizione degli obiettivi. Cosa vuoi ottenere, per la tua azienda, dai Social? Vuoi aumentare i contatti? Vuoi creare una community? Inutile precisare che gli obiettivi da fissare possono cambiare anche di tanto anche tra aziende dello stesso settore, quindi, il primo consiglio è di fissare obiettivi coerenti con la tua linea aziendale.


Il motivo per cui è di vitale importanza fissare gli obiettivi è che grazie alla misurazione degli stessi è possibile capire e misurare l’andamento delle attività. Se, per ipotesi, avviamo attività per aumentare il numero di telefonate e queste non aumentano, è chiaro che qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. Questo dà il via a un lavoro di analisi e rivalutazione degli strumenti al fine di risolvere ciò che impedisce il raggiungimento dell’obiettivo.


Per fissare obiettivi validi è bene fare affidamento al metodo S.M.A.R.T. che fa riferimento all’acronimo dato dalle iniziali dei termini inglesi della metodologia. Gli obiettivi, quindi devono essere:

 

  • Specific – specifici: no a obiettivi generici. Esempio: “nel prossimo periodo aumenteremo le telefonate”; quale sarebbe il “prossimo periodo”? Di quanto si pensa di aumentare le telefonate?
  • Measurable – misurabili: no a obiettivi che non siano misurabili. Esempio: “dobbiamo ridurre i tempi di risposta”. Ridurre di quanto?
  • Attainable – raggiungibili: no a obiettivi impossibili da raggiungere. Esempio: “dovremo rispondere immediatamente alle mail dei clienti”. Restando obiettivi, è impossibile poter gestire in maniera istantanea qualsiasi comunicazione;
  • Relevant – rilevanti: no a obiettivi che non abbiano reale importanza. Inutile sprecare risorse per perseguire fini che non offrono miglioramenti significativi;
  • Time-bound – temporalmente definiti: no a obiettivi senza scadenza. “ridurremo le emissioni del 50%”; entro quando?

Un esempio di obiettivo S.M.A.R.T. potrebbe essere: entro la fine dell’anno, usando la chat di Facebook, ridurremo il tempo di risposta ai clienti al di sotto dei 5 minuti.


Spiegata la metodologia, vediamo più nel dettaglio su cosa poterci concentrare nella definizione degli obiettivi. Esistono, soprattutto sui Social Media, metriche molto semplici da tracciare ma che non comunicano il loro reale valore. Un esempio su tutti sono i like alla pagina Facebook o al profilo Instagram: certo, è molto lusinghiero avere migliaia di like sulla pagina ma se sui post non c’è interazione, hanno veramente valore?


Per questo motivo è molto importante focalizzare la nostra attenzione su metriche che possono realmente darci informazioni. Del resto, il nostro scopo è proprio questo: acquisire informazioni sull’andamento. Se facciamo affidamento su metriche “vuote” non possiamo capire cosa stiamo facendo e come lo stiamo facendo.


C’è, inoltre, da specificare che le metriche di cui tener conto cambiano a seconda della piattaforma e dell’attività che decidiamo di implementare. Un esempio potrebbe essere il cost per click nelle campagne a pagamento su Facebook, metrica che non godrebbe della nostra attenzione se stessimo lavorando su post organici dello stesso Facebook. In breve, alcune delle metriche di cui è importante tener traccia sono:

  • Conversion Rate: tasso di conversione, percentuale di utenti che compiono una determinata azione;
  • Time Spent on Website: quanto tempo gli utenti passano sul sito;
  • Reach: numero di utenti che hanno visto il contenuto;
  • Brand Mentions: citazioni del Brand;
  • Sentiment: atteggiamento generale degli utenti nei confronti del Brand;
  • Total Shares: condivisioni totali dei contenuti.

È bene tenere monitorati gli obiettivi Social tanto quanto gli altri obiettivi di Marketing: oltre a essere effettiva parte integrante, comunicare risultati al tuo responsabile, al tuo superiore o direttamente al dirigente di azienda farà comprendere loro il valore di tali attività.


lead generation

Conosci la tua audience?



Domanda che ha fatto vacillare più di un professionista: conosci realmente il tuo pubblico target? Sai a chi ti stai rivolgendo? Il perché ci si ponga tale domanda è abbastanza intuitivo: se sappiamo chi è il nostro interlocutore sappiamo anche cosa comunicare e come farlo. Anche se di primo acchito può sembrare scontato, tracciare un quadro preciso del consumatore tipo viene spesso tralasciato.

 

Percentuale di utenti attivi su Facebook nel mondo suddivisi per età e sesso, Gennaio 2020


schermata-del-2020-03-09-14-41-17


instagram-audience-diviso-per-eta


Il processo di identificazione della Buyer Persona, in ambito Social Media, ti permette di capire il tipo di contenuti da sviluppare per stimolare interazioni come commenti, condivisioni e reazioni ai tuoi post. Tale processo è ancora più cruciale nel momento in cui desideriamo trasformare i nostri follower in clienti e, si spera, in futuri ambassador spontanei del prodotto.

 

La definizione della Buyer Persona passa attraverso parametri vari, alcuni ordinari altri più specifici, ad esempio:

  • Sesso
  • Età
  • Nazionalità
  • Impiego
  • Reddito approssimativo
  • Hobby
  • Interessi
  • … e molto altro!

I dati che si possono raccogliere sono tantissimi e ogni elemento ti aiuta a definire sempre meglio il tuo cliente tipo. Conoscendo queste informazioni sarà molto più semplice decidere la linea comunicativa da adottare che sia coerente col tuo prodotto e col tuo target audience. Prenditi del tempo per imparare a conoscere chi si interessa al tuo prodotto e alla tua azienda, prendi coscienza che si tratta di persone reali con desideri e interessi e usa questo approccio e queste informazioni per generare coinvolgimento sui Social Media.


Ma attenzione! Non fare l’errore di basarti sulle tue impressioni: raccogli dati! I Social Media hanno già la possibilità di indicare la tipologia di utente che interagisce con una data pagina e, guardando le statistiche, potrai capire se hai più interazione da un preciso segmento di utenza. Se la quasi totalità dei tuoi utenti usa un dispositivo Apple, potrebbe essere una buona idea ridurre il budget sui dispositivi Android e concentrarsi solo su iPhone: otterresti un risparmio in termini di budget e una maggiore interazione sul target che hai scelto. Un’altra possibilità è valutare quale piattaforma usare per veicolare il tuo messaggio. Ad esempio, Instagram ha un’età media dell’utenza inferiore rispetto a Facebook: regola di conseguenza la tua comunicazione in base al Social di riferimento.

Il mondo del Social Media Marketing ti affascina? Scopri tutte le sue potenzialità!


Conosci i tuoi competitor?

 

La strategia inizia a prendere forma: abbiamo fissato i nostri obiettivi e abbiamo definito il nostro cliente tipo. Prossimo step: approfondire le nostre conoscenze sulle attività dei nostri competitor. Stanno già usando i Social Media? La loro presenza è rilevante e/o potrebbe essere una minaccia? Su quali piattaforme sono presenti? Le risposte a queste domande sono il frutto di un’attenta analisi competitor. Scoprire i punti di forza, di debolezza e le tecniche dei tuoi rivali ti darà nuovi strumenti per continuare ad affinare la tua strategia sui Social Media. Per fare un esempio, se un tuo competitor ha una forte presenza su Instagram ma non così forte su Facebook, un’idea potrebbe essere concentrare i tuoi sforzi per intercettare il tuo audience su Facebook anziché cercare di contrastare la posizione già solidamente consolidata del tuo concorrente su Instagram.


Avvia pratiche di Social Listening: dedicare del tempo a osservare il comportamento dei tuoi competitor e in che modo gli utenti interagiscono con loro potrà darti elementi su cui riflettere e interessanti spunti su cosa l’utenza si aspetta dai player del settore. Valutare i contenuti e come gli utenti reagiscono può diventare un utile banco di prova a basso costo per individuare le tecniche migliori da mettere in campo... o quelle da evitare. Analizza come il competitor si presenta sui Social Media, l’aspetto della sua pagina, il nome, le immagini di profilo e copertina… ogni elemento può rivelare dettagli interessanti su cui lavorare.


Come fare un Social Media Audit e perché è necessario?

 

È giunto il momento di spostare lo sguardo su te stesso. Armati di obiettività e pazienza e analizza con attenzione la tua presenza sui social, se sei presente. Sii sincero e rispondi a queste domande osservando nel dettaglio le tue pagine:

  • Cosa sta funzionando sui Social dove sei presente?
  • Cosa non sta funzionando?
  • Quale piattaforma è utilizzata dal tuo target?

In paragone alla concorrenza, come pensi stia andando la tua presenza sui Social?


Rispondendo alle domande dovresti già avere un quadro generale della situazione, rendendoti conto dei punti che necessitano la tua attenzione e dove è bene concentrare le risorse. Uno degli elementi principali su cui riflettere sarà l’utilità (o meno) di ogni account. Tutti i tuoi account stanno funzionando come dovrebbero? Hai un account su un Social di cui non comprendi (più) l’utilità? Forse è il caso di eliminare ciò che non è più utile. Ci sono domande, a questo, proposito, che possono guidarti nella decisione:

  • La mia Buyer Persona frequenta questo Social?
  • Se sì, in che modo usano la piattaforma?
  • Questo account può tornarmi utile per raggiungere gli obiettivi prefissati?

Sono domande cruciali la cui risposta ti farà capire se continuare a investire risorse su un account o se optare per la sua cancellazione definitiva.


Mentre controlli la tua presenza sui Social, potresti incappare in false pagine e profili che si fingono la tua azienda. La proliferazione di profili falsi è, purtroppo, un inconveniente ricorrente sui Social Media e la loro sola esistenza potrebbe esserti di intralcio o, peggio, essere dannosa, ad esempio sottraendoti follower o agendo in maniera sconveniente e rovinandoti la reputazione. L’azione da intraprendere in maniera tempestiva è segnalare il profilo, ossia avviare un report con l’assistenza del Social di riferimento. Un modo per assicurare al tuo audience di riferimento la tua autenticità è provvedere alla verifica del profilo: tramite una specifica procedura che cambia da piattaforma a piattaforma, è possibile ottenere il badge di riconoscimento come profilo autentico.


scarica_15029-1

Pianificare, costruire l’autorevolezza e storytelling

 

Come già detto, è bene creare profili su Social Media che realmente possono tornare utili ai fini della nostra comunicazione. Cercare di coprire tutta la vasta galassia di Social disponibile non farebbe altro che assottigliare le risorse che possiamo impiegare per ognuno, rischiando, poi, di ottenere risultati deludenti perché non abbiamo dedicato abbastanza attenzioni e energie a quelli veramente rilevanti.


E non è tutto. Una volta decisi i Social Media su cui paleseremo la nostra presenza sarà importantissimo capire il tipo di comunicazione da adottare e in che modo fare uso delle possibilità del Social stesso. Per chiarire, mentre Instagram può essere indicato per la condivisione di contenuti per creare interazione con la propria fan base, Twitter potrebbe diventare lo strumento giusto per offrire il customer service, creando una linea diretta tra il consumatore e il Brand.


Per non lasciarsi prendere dal troppo entusiasmo, un’idea potrebbe essere stilare obiettivi “Social-specifici” in modo da restare concentrati sullo scopo da perseguire. LinkedIn potrebbe essere lo strumento ideale per diffondere cultura, vision e mission aziendali in ottica di reclutamento. Se non dovessi riuscire a specificare uno scopo per un determinato Social Media, è il caso di domandarti se hai realmente necessità di un altro canale di comunicazione su tale Social.


Fatta questa scrematura, è il momento di impostare i tuoi profili. Anche qui, come parte della comunicazione, è importante focalizzarsi sui dettagli: compila tutti i campi disponibili, dai tutte le informazioni necessarie che un potenziale cliente potrebbe cercare, fai uso di parole chiave che identificano ciò che gli utenti vogliono trovare attraverso le loro ricerche e, ultimo ma non meno importante, fai uso di loghi e immagini brandizzate che rendano ben riconoscibile il tuo Brand sempre e comunque. In questo frangente, presta particolare attenzione a fare uso di immagini ad alta risoluzione per visione a video e ricorda di rispettare le misure imposte dai singoli Social: avere un’immagine profilo di bassa qualità o orrendamente deformata non depone a tuo favore.


Bene! Profili creati, foto profilo e copertina caricate… non resta che dedicarsi alla creazione di contenuti! Prediligi lo storytelling: gli utenti non navigano su Facebook o Instagram per vedere una sequela di foto di prodotti, vogliono leggere di storie e emozioni, vogliono essere intrattenuti! Prendi pure spunto da chi ha avuto successo sui Social: Facebook aggiorna periodicamente le sue “Storie di successo”, Brand che hanno saputo adottare le giuste strategie per arrivare al cuore del loro audience.


Altri spunti puoi trarli dalla tua diretta esperienza: hai dei Brand preferiti di cui segui i profili Social? Se li segui avrai i tuoi buoni motivi ed è il caso di indagare. Cosa ti piace di loro? Hanno un modo di comunicare interessante? Valuta con attenzione i loro post e guardali con occhio critico, potresti scovare interessanti dettagli che potrebbero dare una marcia in più alle tue pubblicazioni.


Ma, più di ogni altro, chi è il consigliere più qualificato se non i tuoi stessi follower? Dai pure il via a interessanti sondaggi e osserva gli argomenti di cui i tuoi follower parlano online. Puoi anche chiedere il genere di contenuti che preferirebbero vedere, magari dando il via a votazioni, ormai disponibili su quasi tutte le piattaforme.


Facciamo un altro passo! Abbiamo capito dove e cosa pubblicare, adesso è il momento di pianificare! Sì, perché non possiamo limitarci a lanciare contenuti sul web a caso. Per raggiungere il successo è necessario valutare con estrema attenzione il quando e ogni quanto pubblicare. È necessario strutturare un preciso calendario di pubblicazione dei contenuti che tenga anche conto del tempo dedicato a interagire con gli utenti. Inoltre, è importante definire le tempistiche in modo tale che i post vengano pubblicati alla giusta ora, il giusto giorno e con il giusto spazio tra loro. Infine, nel tuo calendario Social Media potrai anche indicare la tipologia di ogni post, ad esempio video, foto, caroselli e così via. Definire il piano editoriale in modo preciso e completo ti permetterà di gestire i tuoi profili al meglio.


Un altro elemento su cui riporre attenzione è la combinazione della tipologia di post che intendi pubblicare. Ogni post avrà finalità diverse: potresti avere post che invitano a visitare il sito (un nuovo prodotto disponibile o una categoria in offerta) e post che spingono l’utente a una conversione (iscriversi a una newsletter o scaricare una guida). L’incidenza della quantità di ogni tipologia può cambiare in base a tante variabili. Ciò che è importante è definire le percentuali di incidenza: potresti voler dare più spazio alle visite sul sito o a post che diffondono la tua cultura aziendale… tutto dipende da ciò che i tuoi utenti desiderano vedere. Partendo dalle basi, si potrebbe azzardare un 80% di contenuti volti all’informazione dell’utenza e un 20% di contenuti dedicati a spingere il Brand.


Lasciamo fermentare il tutto per un po’, quindi andiamo a vedere cosa stiamo ottenendo.


Comunicare i risultati: i social media per le conversioni

 

Gestire correttamente il lavoro sui Social non è facile ma, fatto nella maniera corretta, può diventare un’importante fetta delle tue attività di Marketing. Non demoralizzarti se non dovesse andare bene al primo colpo! Adesso hai dati e informazioni che prima non avevi, sai cosa ha funzionato e cosa no, usa queste nuove preziose informazioni per aggiustare il tiro. Ricorda sempre di tenere sotto controllo le metriche rilevanti e calibrare su quelle i tuoi sforzi.


Prova e riprova, ogni test ti darà nuove informazioni da metabolizzare. I video funzionano meglio dei post statici? Potrebbe essere una buona idea aumentare il numero dei video nei tuoi post. I video che ottengono più condivisioni sono quelli che durano sotto i 10 secondi? Sai su quali puntare per migliorare ulteriormente il rendimento.


Inoltre, i Social Media cambiano molto rapidamente e ogni giorno potrebbe esserci un nuovo strumento, o modifiche a strumenti esistenti, che meritano di essere studiati per poter essere sfruttati al meglio. Non solo, anche la tua azienda affronta costantemente cambiamenti: nuovi prodotti, nuovi collaboratori, nuovi partner commerciali… tutto ciò per dire che la tua strategia di Marketing per Social Media deve essere un documento vivo, in costante mutamento, che si adegui alle trasformazioni degli ambienti a cui è strettamente legato.


Adesso conosci gli strumenti per una Social Media Strategy di valore. Sei pronto a partecipare al mondo del Social Media Marketing come vincitore?


Uno sguardo al concreto: ecco qualche nostro Caso Studio

centro-veneto-del-mobile

B2C - Settore Arredamento: grazie alle attività sui Social Network, Facebook e Instagram in particolare, si è realizzata la diffusione delle promozioni e la generazione delle prenotazioni in store, quindi un maggior Traffico al sito web e una maggiore diffusione del prodotto nelle aree di presenza degli store.

+300%
Prenotazioni in store

+20%
Traffico al sito

+30%
Traffico alla pagina

castelli

E-commerce - Settore Sport: l’attività Social per il cliente è stata, data la notorietà del Brand e la sua forza commerciale, incentrata sulla conversione finale inizialmente lavorando sull’aumento del traffico al sito per poi verticalizzare sull’Acquisto.

+644%
Acquisti diretti da sorgente Facebook

+807%
Nuovi Utenti raggiunti

+670%
Ritorno sull’investimento pubblicitario

climaway

E-commerce - Settore Climatizzazione: l’Attività sui Social per il cliente ha visto la strategia evolversi andando inizialmente a lavorare in ottica Aumento Notorietà del Brand per poi man mano spostare sempre maggiore budget verso l’obiettivo Traffico al Sito fino alla Conversione finale d’Acquisto.

+7,20%
Importo Speso (anno su anno)

+9,82%
Copertura raggiunta (anno su anno)

10660%
Ritorno sull’investimento pubblicitario (gennaio-novembre 2020)


Sei interessato a scoprire le nostre storie di successo di Social Media Marketing?


Raggiungi chi non ti conosce: l’Adv in forze ai Social!

 

Creare contenuti di valore e condividerli nel modo corretto attraverso le piattaforme Social resta indubbiamente un passo cruciale nel percorso verso il successo. Tuttavia, per raggiungere la parte di pubblico definita come Buyer Persona anche se non ti conosce, è estremamente vantaggioso adottare le sponsorizzazioni dei post Social poiché si tratta di una perfetta fusione tra l’elemento più creativo (la creazione di contenuti, appunto) e la componente più analitica (la definizione del target di riferimento).

 

Grazie alle strategie Adv pensate per il mondo Social sarai in grado di raggiungere, coi tuoi contenuti di valore, quelle persone potenzialmente interessate che, con ogni probabilità, tenderanno a volerne sapere di più, ad approfondire e a trasformarsi in clienti.

 

Se la Digital Strategy integra un piano di comunicazione Social-oriented, è assolutamente consigliato “dare potenza ai motori” Social proprio attraverso le sponsorizzazioni relative al mondo dei Social Network. I risultati non tarderanno ad arrivare e il tuo Business inizierà ben presto a crescere!


La forza della sinergia: partnership e certificazioni di MM ONE Group

loghi

 


Rimaniamo in contatto, non perdere questa occasione!

 

Un viaggio discretamente lungo, quello nei Social Media. Dove molti declassano i Social come passatempo per adolescenti, tu potrai scoprire le enormi potenzialità per il tuo Business: i Social ti permetteranno di entrare in contatto diretto con chi cerca ciò che offri.

È giunto ormai il momento di fare un ingresso sulla scena Social che nasca da un’attenta progettazione di una strategia vincente in grado di offrire numerose opportunità di crescita per la tua azienda. La chiave è avere metodologia e affidarsi a professionisti che conoscono il proprio lavoro e sanno come creare legami tra utenti e Brand.

Scopri le nostre innovative strategie di Digital Inbound Marketing per le imprese, entrerai in contatto con una grande realtà che da vent’anni si occupa di strategie Digital in ottica di crescita e potenziamento del Business. MM ONE saprà ascoltarti e saprà realizzare piani strategici fatti su misura per la tua azienda. Contattaci, saremo felici di rispondere a tutte le tue domande sulla gamma di servizi Digital pensati per le imprese.

 

seo-4


Desideri avere maggiori informazioni SENZA IMPEGNO?

Mettiti in contatto con noi: molti percorsi di successo sono iniziati proprio così.